Ma si, in placca basta essere armonioso

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Verde gemma - Vortice di fiabe - 08

 
Il sempre armonioso Cendaletti, fallito il suo progetto top-secret, cioe’ la prima ripetizione assoluta della famosa Bonatti 
al Grand Capucin in perfetto stile Cendali, che prevede di fare un mese prima il traverso del Moregallo, poi nient’altro che mettersi davanti al computer o alla televisione tutte le sere in attesa che il giorno della partenza arrivi, vuole ruggire. 
Le sue frasi piu’ ripetute sono:
“nonono non e’ impossibile Tode, basta mettere la tenda sotto e non dover prendere la funivia”
“nonono ma alla fine la testa ce l’ho ancora”
“nonono porti chiodi e Martello, se non ce la fai tiri due chiodi, due friend e sei fuori”
“nonono tanto in placca non serve essere allenati, basta essere armoniosi”
 
Dopo che ascolto allibito tutte le sue perle, il discorso gira su cosa fare la domenica. Lui e’ carico, spara nomi di vioni a raffica, tanto, a suo dire i tiri duri li fa lui. Se non lo conoscessi, potrei anche accettare, ma per fortuna so con chi ho a che fare… Altrimenti attenzione, mi rivolgo a chi non lo conoscesse e si imbattesse nel personaggio in questione, sappi che tutti i tiri duri poi toccheranno inesorabilmente a te.
Così, rifiuto ogni sua assurda proposta e, visto il meteo "demmerda" di questo Agosto anomalo, gli propongo una gita in val di Mello: "Verde gemma", una via in placca e poi "Vortice di fiabe", una via di Guerini alla stella marina. Lui accetta.
 
Raggiunta la Valle e’ inutile specificare che tra una cagata e l’altra, perdiamo la ben visibile traccia, trovandoci presto a ravanare come asini nel boschetto sotto le placche. Solo dopo aver sbagliato due volte settore, arriviamo a destinazione. 
“Bene, parto io Cenda?” 
“Sisisisi, va qui’ che bella placchetta, sara’ V grado, no Tode? “
“Cenda ma stai scherzando, come fai a salire di li’? “
“nononono se io fossi in te salirei da li’”
Io evito di imbattarmi in discorsi senza senso e salgo dal facile diedrino a sinistra e presto sono in sosta. 
 
Inizio a recuperarlo e, per mostrarmi che aveva ragione, aggredisce la placca che prima mi aveva proposto sorridendo con il suo sguardo convincente… Io, giusto per farmi due risate gli lascio un po’ di lasco, e, chiaramente, lui non riesce a salire. Ma attenzione, perche’ il nostro eroe ha un asso nella manica: vedo che tira fuori il cliff (eh si, perche’ lui il cliff lo porta sempre in giro, non si sa mai…), lo piazza su una mini-tacchetta, azzera, spalma I piedi e sale. Io incredulo, evito di dire qualsiasi cosa, se non qualche insulto, e lo recupero. 
Ora tocca a lui, davanti a noi abbiamo una placca di 40 metri che nell’ultima meta’ si impenna inesorabilmente verso l’alto. Dal basso la chiodatura non sembra terrificante, ma presto ci renderemo conto che la spittatura “e’ lunga abbastanza per farti cagare in mano”. Il nostro eroe parte e tra un “sono agghiacciato” e un altro, spalmando arriva a due spit dalla fine della placca… Tenta, spalma, sale ma poi scende. Cosi’ per diverse volte, fino a che, amaramente decreta il B&R.
 
Mentre lo calo la mia teoria si conferma: meno male che siamo venuti qui e non su uno dei vioni che mi aveva proposto… Cosi’ mi trovo completamente agghiacciato in placca (in questo caso l’aggettivo cade a pennello: completamente immobile, incapace di muovere ogni arto) a meta’ strada tra una salvezza e l’altra… Il tempo passa, tra una vibrata e l’altra, strisciando come una lumaca rossa in un campo di sale, lentamente arrivo in sosta prosciugato. 
Scarichiamo quindi i nostri miserabili corpi su Vortice di Fiabe, dove pure li’ il secondo e terzo tiro ci danno ulteriori dosi di “agghiaccio”.
 
Degna di nota la conclusione: arrivati alla pianta che dovrebbe indicare la salvezza, Cendali vuole assolutamente fare un traverso su placca muschiosa per andare a fare Patabang, “tanto e’ solo IV grado”.  Ormai non ho neanche piu’ voglia di controbattere, i piedi ci esplodono, sono le 6 di sera, percio’ io non faccio altro che buttare giu’ le corde e l’imperativo e’ d’obbligo: ”abass!”.
 
 

Commenti   

 
Nonna Cenda
+7 #3 Nonna Cenda 2014-09-04 18:45
questa sera, quando andate a casa, date una carezza ai vostri figli e dite che questa è la carezza della nonna di Cendali...
Citazione
 
 
ZioEmatitos
+6 #2 ZioEmatitos 2014-09-03 21:42
Foto 7 e 9 direi armoniose..le altre da smeriglio..
Todeschini Cendali cordata aghiacciante!
Citazione
 
 
commozione cerebrale
+4 #1 commozione cerebrale 2014-09-03 12:26
COMMOVENTI!
Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

/

all rights reserved - AsenPark.it - 2009

template joomla by JoomSpirit