Pizzo Bernina senza mezzi a motore: cronaca di un massacro annunciato

Valutazione attuale:  / 3
ScarsoOttimo 

Pizzo Bernina in Bicicletta 26

Di questo "giretto", come lo definirebbe UltraGiak Kominotti, se n’era parlato già alla prima  uscita in bici che ho fatto con Moretz e Ganjalf, più di tre anni fa.

E di sicuro la “realizzazione” non è venuta adesso per motivi di particolare forma fisica: solo casualità e forse consapevolezza che se non lo avessimo fatto ora non l’avremmo più fatto.

Partiamo da Lecco Venerdì alle 7:00 (ovviamente il ritrovo era alle 6:15) con zaini in versione bomba pronta ad esplodere e scarponi appesi all'esterno; siamo accompagnati fino a Olcio da Berna munito di videocamera.

Già dal primo chilometro capiamo che i chili che abbiamo sulle spalle diverranno mal di culo, di braccia e di schiena ma ne impieghiamo un'ottantina, di chilometri (giusto fino a Sondrio), per capire che forse almeno gli scarponi li potevamo appendere al manubrio.

Al supermercato poco prima Sondrio, si vedono le solite scene con gente allo sbando seduta per terra che divora pizzette svunce.

Arrivo a Campomoro verso le 15:00 con facce alla di Luca e biciclette consegnate al primo edificio in cui ci siamo imbattuti: si è rivelato essere un ex ristorante ora adibito a casa vacanze per gruppi di famiglie.

Nella tratta fino al rifugio Carate un po' di pioggia giusto per rinfrescarci le idee e arrivo alla Marinelli con gente che nel tentativo di ordinare una cena si fa domandare se c'è bisogno di un'aspirina.

A tavola si conosce un faraone bergamasco che ci accompagnerà per buona parte del giorno dopo: Ivan.

Alla prima domanda se era in giro in solitaria, la risposta è inequivocabile: "Io sempre in solitaria".

 

Sabato Sveglia alle 4:10 colazione alle 4.30 e partenza alle 5:00, superato un signore che aveva fatto il Bernina "la prima volta 51 anni fa", il ghiacciaio e il canalone/ferratina (affrontati un po’ l’uno e un po’ l’altro)  sono tutti nostri anche se in quel momento, con sonno misto stanchezza dal giorno prima e “buio sul ghiacciaio”  si vorrebbe solo essere altrove; per fortuna c’è davanti Ganjalf a testa bassa a scandire un ritmo regolare altrimenti il ritiro sarebbe stato molto probabile.

Breve pausa alla Marco e Rosa, giusto il tempo di rincontrare Ivan e poi di nuovo su, ora immersi nel sole; l’indecisione se affrontare il crestino finale fino alla cima svizzera dura pochissimi istanti e prima delle 10 siamo in vetta.

Le note del rientro sono Moretz che, sul tratto un po’ più tecnico, mette una pressione poco dignitosa a un tedesco che stava dando corda al socio a ritmo di bradipo; pause fisiologiche ai rifugi (giunti al Carate con Ivan il rifugista commenta che i matti si trovano sempre); Moretz, sempre lui che, affronta l’ultimo tratto di sentiero a piedi nudi per sfinimento da vesciche.

All’inizio della discesa su due ruote abbiamo resistito alla proposta indecente di Ivan ovvero scaricargli lo zaino sul fugone e scendere leggeri, accettare avrebbe voluto dire voltare le spalle alla stella polare che ci ha guidato fino li: un’etica ferrea (forse meglio interpretabile come ignoranza estrema) .

Discesa in bici con materiale appeso all’esterno dello zaino stile albero di Natale e foratura per me,  che ha causato solo un po’ di perdita di tempo. Arrivo al solito supermercato giusto in tempo per la grande abbuffata costituita da cibi ideali per gli 80 km che ci attendono: salatini, pancetta e  focacce  gusto alici capperi aglio e cipolle. Si passa poi alla fase di fissaggio del peso sulla bici, ognuno con una strategia diversa:

Io con calzini, fettucce e magliette infilati negli scarponi, scarponi sul manubrio e imbrago addosso con appesi ramponi, macchina fotografica e moschettoni.

Moretz che si limita ad appendere gli scarponi sul manubrio.

Ganjalf che con sommo sprezzo del mal di culo si tiene tutto in spalla.

Si ricomincia a pedalare in modo piuttosto surreale: dopo una decina di chilometri sui 35 km/h colleghiamo il cervello e capiamo che non è il caso di andare avanti così, ciò che ne esce è un ritmo barcollante e a stento raggiungiamo Colico accompagnati dal buio e conseguenti strombazzamenti delle auto di passaggio.

Qui la pausa dura una mezz’ora abbondante e ne approfittiamo per chiamare altri asini del gruppo (Maxi, Piz e Niciz) che  ci raggiungeranno in macchina giusto superato il mostro di Piona e ci scorteranno fino a Lecco dandoci le energie morali necessarie per rientrare. A mezzanotte siamo di nuovo sotto il cartello “Lecco” e le sensazioni sono ormai di inerzia totale, si conclude con una pausa al bar e rientro, chi a Bonacina chi a Germanedo quasi alle 2.

Bona

Clicca qui per vedere la clip video

Commenti   

 
Cindi
0 #50 Cindi 2018-10-07 15:57
Hi, I would like to subscribe for this website to
obtain hottest updates, so where can i do it please help out.


Also visit my web-site; ph?
ki?n sinh nh?t
Citazione
 
 
Christal
0 #49 Christal 2018-10-06 15:11
The town centre This posting is on the subject of Danon Jewellery >
the popular alternative for procuring in Prague.
Citazione
 
 
Mei
0 #48 Mei 2018-10-06 11:17
This will be a quick tutorial navigation of how to get the E-mail function within another hubpage
owner's account.

Look at my homepage :: Bungling Ben
Citazione
 
 
Pansy
0 #47 Pansy 2018-10-06 09:45
It's a pity you don't have a donate button! I'd certainly donate to this
outstanding blog! I guess for now i'll settle for book-marking and adding your RSS feed to
my Google account. I look forward to new updates and will talk about
this website with my Facebook group. Talk soon!

Also visit my site - Thermo GYN Diet Pills
Citazione
 
 
Felicitas
0 #46 Felicitas 2018-10-06 09:02
I have been surfing online more than 4 hours today, yet I never found any interesting article
like yours. It is pretty worth enough for me.
In my view, if all site owners and bloggers made good content as you
did, the net will be much more useful than ever before.



Here is my homepage; L'Ojesete
Citazione
 
 
Tania
0 #45 Tania 2018-10-06 06:18
I'm curious to find out what blog system you
have been utilizing? I'm having some small security issues with my latest website and I'd like to find something more safeguarded.

Do you have any suggestions?

My web site :: Gold Sciences Keto
Citazione
 
 
Christin
0 #44 Christin 2018-10-06 03:45
I feel that is one of the so much important information for me.
And i am happy studying your article. But wanna commentary on some general things, The web site style is
ideal, the articles is truly excellent :D. Just right process, cheers.


my site: Green Force Forskolin Reviews
Citazione
 
 
Alexis
0 #43 Alexis 2018-10-05 23:04
I truly appreciate this post. I have been looking everywhere for this!

Thank goodness I found it on Bing. You've made my day!
Thx again!

Here is my page - Nature Driven Hemp Oil Review
Citazione
 
 
Marguerite
0 #42 Marguerite 2018-10-04 07:52
As I website possessor I conceive the content material here is
really wonderful, thanks for your efforts.

My weblog: UltrastrenX Reviews
Citazione
 
 
Jolene
0 #41 Jolene 2018-10-03 18:33
You have observed very interesting details! ps nice web site.


Feel free to visit my website :: Purity Skincare Shark Tank
Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

/

all rights reserved - AsenPark.it - 2009

template joomla by JoomSpirit