Parete Nord Cassandra AKA mortal combat

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Nord al Pizzo Cassandra 31

PREMESSA: i locali invernali (come dice appunto il nome) sono aperti solo nella stagione invernale quando il rifugio è chiuso.

 La partenza avviene con il classico ritardo e nervosismo delle grosse spedizioni, solo gente che si presenta con tre zaini, citando Mark Twight a vanvera.

Dopo una figura da cadaveri al rifugio porro e inutili discussioni sulla funzionalità dei locali invernali (AKA Gandolfi taci cazzo...) ci rivolgiamo al rifugio Ventina dove veniamo calorosamente accolti ed invitati ad entrare con un "Vé den't che fora el fà frech".. ETICA..

Una dormita di tre orette abbondanti seguita dal suono della sveglia che, come un martello pneumatico, ci costringe a sradicare i nostri corpi cadaverici dai sacchi a pelo e scaricarli sul ghiacciaio del ventina in direzione del Cassandra..
La neve si sfonda e i cervelli lavorano solo per inventare una scusa valida per scappare da questa valle di lacrime, ma un minimo di decenza ci costringe a continuare.

Una volta raggiunto l'attacco però troviamo una neve completamente trasformata che scalda subito gli animi..
Aggrediamo caricandoci con dinamite e citando Twight con delle cose che neanche lui sà di aver mai detto.. Picozza che sciabolano come spade laser...
Colpa la troppa neve e l'ignoranza di Gando traversiamo troppo a sinistra e sfortunatamente usciamo leggermente dalla linea di salita originale, AKA slavine di insulti per lui..

Nonostante i polpacci infiammati dal napalm procediamo con un bel ritmo fino all'uscita in cresta, dove un vento da Everest rende l'uscita in vetta piu' etica..
Ci scambiamo un picozzata a testa in segno di rispetto per la salita compiuta, e poi ci concentriamo ad insultare Berna che sta facendo il poeta con la telecamera in mano, mentre noi vorremmo solo violentarci verso valle..

Scendiamo ballando alla Nelly Furtado tra cornici di neve e ripidi pendii..
Dopo di che inizia il massacro, sul ghiacciaio si sfonda fino al ginocchio, e la strada da fare non è corta.
Avvistati patetici tentativi di scendere senza fatica AKA gente che rotolava e si tracinava, uno scempio..
(Solo gente che si sarebbe fatta crivellare da mitragliatrici pur di non essere straziata da quella neve molle..)

Raggiungiamo il rifugio con la sola forza per riprendere il nostro "cianframe" e scaricarci in macchina, per passare un ritorno con teste che ondeggiano in attesa di una "fatality"

Citiamo anche il personaggio che faceva sassimo che si è fermato indignato a scambiare 4 balle con noi mentre barboneggiavamo nel parcheggio dell'iperal a Sondrio.

Parole chiave:

Insulti vari a Gando, Tritolo, massacro, etica, e Twight.

ABALAKOV!

Panz (detto Sniper...)

 

Commenti   

 
Cenda
0 #4 Cenda 2010-06-11 14:11
allora canglie domani si aggredisce la valle???
cmq berna nn vedo ancora le foto di sabato...
Citazione
 
 
sniper no way panz
0 #3 sniper no way panz 2010-06-04 18:50
avvistata bandiera del kazakistan sventolata senza motivo... etica..
Citazione
 
 
Moretz
0 #2 Moretz 2010-06-04 17:52
avvistati poeti nigeriani
Citazione
 
 
Berna
0 #1 Berna 2010-06-03 20:03
menomale che avete il fotografo...e il filmer.. :lol:
ah......ricordiamo la 16 completamente assediata da materiale alpinistico di ogni genere: picche, corpi morti, pentolini con la croppa, fornelletti e gente ammassata....uno strazio ahahah
Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

/

all rights reserved - AsenPark.it - 2009

template joomla by JoomSpirit